Domande e risposte, quanto è importante


Arjuna è confuso e quando capisce che è inutile continuare in una conversazione tra pari ma che deve fare domande (sisyas te ham sadhi mam tvam prapannam) il risultato è la Bhagavad-gita, un libro che ha beneficiato innumerevoli persone per millenni.
La stessa è la conversazione tra Sukadeva Gosvami e Maharaja Pariksit e poi tra Suta Gosvami e i saggi di Namisaranya, che noi conosciamo come lo Srimad-Bhagavatam.
Alla fine di Dvapara Yuga Srila Vyasadeva chiede al suo discepolo Vaisampayana di rispondere alle domande di Maharaja Janamejaya e così abbiamo il Maha-bharata.
Sage Maitreya fa domande a Parasara Muni e il risultato è il Visnu Purana, un libro che non è ben noto ma che meriterebbe di essere approfondito da tutti coloro che vogliono conoscere Krishna.
Naciketa chiede e Yamaraja risponde. Quindi abbiamo la Katha Upanisad, una delle più importanti, piena di gemme filosofiche.

Potrei andare all’infinito.

Cosa hanno in comune tutte queste circostanze?

Quel qualcuno sta facendo domande e qualcuno sta rispondendo.

Non sono solo quelli che rispondono che devono essere qualificati, ma anche quelli che fanno domande. Nel nostro caso, la qualifica è la benedizione di Guru, Krishna e Sadhu che ci consente di porre domande e rispondere a loro. Il Kali-yuga è un’epoca disgraziata, le qualifiche complete sono difficili da raggiungere.

Senza domande sincere le risposte (e le lezioni in generale) possono essere noiose, perché chi parla non si sente ispirato. Non è stimolante avere un pubblico dove c’è qualcuno che si addormenta, un altro che controlla l’ora, un altro che guarda altrove e pensa a qualcos’altro.
Ma quando l’oratore vede interesse nel pubblico, si sente ispirato a fare un buon discorso.

Non ci sono certamente domande e risposte nel Vedanta Sutra, ma il primo sutra è
Athato brahma-jijnasa
“Ora è il momento di fare domande sulla Verità Assoluta”.
Atha afferma l’urgenza e atah l’appartenenza alla tradizione vedica.
Atha non significa “al momento giusto della tua vita”. “Ora” significa “ora”, “immediatamente”.

Se qualcuno obiettasse, “ma la Caitanya Caritamrita non è strutturata come domande e risposte”, io risponderei che è piena di conversazioni basate su domande e risposte.

Il verso tad viddhi pranipatena (4.43) della Bhagavad-gita contiene la parola “pariprasna” che significa porre domande. Ci sono due qualità principali di un discepolo: porre domande (pariprasna) e dare un servizio (seva).
Chiunque non ponga domande al Guru non è un discepolo e il Guru dovrebbe essere cauto nell’accettare e dare upadesa, iniziazione, a un discepolo che non fa domande, così come a chi non offre il servizio.

Kathayantas ca mam nityam tusyanti ca ramanti ca
I miei puri devoti (mat-gata-pranah) hanno un grande piacere nel parlare di Me e nell’illuminarsi a vicenda. (Bhagavad-gita 10.9)

Anche qui si può andare all’infinito.

In conclusione, fare domande e ascoltare attentamente è una delle discipline più importanti della Bhakti.

 

  • Manonatha Dasa (ACBSP)

 

Comments are closed.