Uno sguardo alla vita di Srila Kavi Karnapura

posted in: DB, Italiano

 

Sivananda Sena, un grande devoto di Sri Caitanya Mahaprabhu, aveva due figli, Caitanya Dasa e Sri Rama Dasa. Durante uno dei suoi viaggi per visitare Mahaprabhu a Jagannatha Puri, mentre la moglie di Sivananda era incinta del suo terzo figlio, il Signore chiese di chiamare il neonato Paramananda Dasa. Scherzosamente ha detto, “il suo nome sarà anche Puri Dasa”.

“Il bambino era già nel grembo di sua moglie ed è nato dopo che Sivananda è tornato a casa. Ha chiamato il bambino Paramananda Das secondo i desideri del Signore, e il Signore lo ha chiamato scherzosamente Puri Dasa.[1].”

 

Kavi Karnapura è nato nel 1527 nella città di Kanchana-palli[2].

Nessuno della sua famiglia era un’anima comune. Lo stesso Kavi Karnapura identifica i suoi genitori nel suo Gaura-ganoddesha-dipika (#176):

pura vrindavane vira dati sarvash ca gopikah

ninaya krishna-nikariam sedanim janako mama

vraje bindumati yasid adya sa janani mama

 “Le due gopi Vira Devi e Duti Devi, che agivano come messaggeri organizzando gli incontri delle gopi con il Signore Krishna, si unirono per apparire come mio padre (Sivananda Sena). La Vraja Gopi Bindumati apparve come mia madre.”

 

Anche i fratelli maggiori di Kavi Karnapura, Caitanya Das e Rama Das, erano devoti del Signore Sri Caitanya.

“L’intera famiglia di Sivananda Sena è stata benedetta con la misericordia illimitata del Signore. Il Signore stesso ha detto agli altri suoi associati quanto Gli fosse cara questa famiglia quando ha ordinato che, finché Sivananda e la sua famiglia fossero rimasti a Puri, avrebbero ricevuto i Suoi resti[3].”

 

L’anno successivo, quando Sivananda Sena portò il bambino a Mahaprabhu, indusse suo figlio neonato a offrire dandavat al Signore. Improvvisamente, in grande estasi, il bambino afferrò il piede di Gauranga e succhiò l’alluce del petalo di loto del Signore. Dando voce alla loro approvazione, i devoti riuniti hanno cantato “Hari! Hari!”

 

Un altro anno Sivananda e sua moglie vennero a Puri con Puri Das, che a quel tempo aveva sette anni, per il Rathayatra e per vedere il Signore. Il bambino rese omaggio a Mahaprabhu e il Signore gli disse:

“Dì Krishna, dì Krishna!”

Sebbene il Signore gli avesse chiesto di cantare ripetutamente, il ragazzo si rifiutò di pronunciare il Santo Nome. Anche il padre imbarazzato cercò di convincerlo a cantare, ma il bambino rimase fermo nel suo rifiuto.

Mahaprabhu stesso fu stupito e disse:

“Ho fatto cantare i nomi di Krishna a tutti nell’universo, anche agli esseri immobili, ma non sono riuscito a farlo fare a questo bambino. Quale potrebbe essere la ragione?

Svarupa Damodara suggerì:

“Lo hai istruito nel nome di Krishna. Poiché è proibito ripetere ad alta voce il mantra dato dal guru, non lo rivelerà pubblicamente e lo canterà solo mentalmente. Immagino che questo sia ciò che sta pensando.”

Il Signore fu felice di vedere che un ragazzo così giovane era a conoscenza di questa ingiunzione scritturale.

Nel suo Anubhashya, Shrila Bhaktisiddhanta Sarasvati Gosvami Thakur ha spiegato:

“Il mantra ricevuto dal guru non deve essere rivelato a nessun altro, altrimenti perderà la sua potenza. Lo abbiamo visto in precedenza dalla storia di Gadadhara Pandita.”

Questo è il motivo per cui Puri Das non ripeteva il mantra che gli era stato dato da Mahaprabhu stesso.

Ma Mahaprabhu voleva sentire la voce di Puri Dasa, così gli chiese di recitare un verso. Quindi il bambino di sette anni recitò il seguente verso della sua stessa composizione:

sravasoh kuvalayam aksnor

anjanam uraso mahendra-mani-dama

vrindavana-ramaninam

mandanam akhilam harir jayati

“Tutte le glorie ad Hari, l’ornamento per tutte le bellezze di Vrindavana, un loto blu per le loro orecchie, collirio nero per i loro occhi e una collana di zaffiri blu per decorare il loro petto[4].”

Tutti i presenti rimasero affascinati dal bel verso. Un bambino di sette anni che aveva appena iniziato la sua educazione era ancora in grado di recitare un verso di tale qualità! Gli dei come Brahma e Shiva non sono in grado di comprendere la misericordia di Mahaprabhu, che dire del jiva ordinario!

All’udire la meravigliosa poesia che il bambino era capace di comporre[5], Sri Svarupa Damodara Gosvami gli diede il titolo Kavi Karnapura[6].

 

Sebbene Kavi Karnapura abbia ricevuto il mantra del nome di Krishna da Caitanya Mahaprabhu, che può essere considerato un’iniziazione, ha comunque seguito l’usanza sociale di ricevere l’iniziazione da Srinatha Chakravarti, che è un ramo di Advaita Acarya sull’albero di Caitanya.

Nell’introduzione al suo Ananda-vrindavana-campu, Karnapura rende i suoi omaggi a Srinatha Chakravarti.

Alcune persone dicono che le divinità di Shrinatha Chakravarti sono ancora adorate a Kumarahatta oa Kanchariaparia.

 

In un altro verso introduttivo a quell’opera, ha glorificato Caitanya Mahaprabhu come la sua divinità famigliare, dicendo che Mahaprabhu ha adottato l’intera famiglia di Sivananda Sena come sua.

 

Sri Kavi Karnapura è considerato un ramo dell’albero trascendentale di Sri Caitanya Mahaprabhu.

 

Karnapura non ha dato la propria identità nel Gaura-ganoddesha-dipika, ma nel Vaishnavacara-darpana è scritto:

“Kavi Karnapura era Gunachuda Sakhi a Vraja. È un ramo di Caitanya che viveva a Kachariaparia. Ha accumulato potere spirituale da Mahaprabhu quando ha messo l’alluce del Signore nella sua bocca e gli è stato dato il nome Puri Das.”

 

Kavi Karnapura, era caro al Signore e divenne uno scrittore di libri in cui rivelava le benedizioni del Signore su Sanatana Gosvami[7].

 

All’età di sedici anni, Kavi Karnapura ha iniziato la sua prolifica carriera di scrittore componendo il Caitanya-carita-mahakavya, un capolavoro trascendentale di poesia rasa sringara[8]. Kavi Karnapura definisce la parola “rasa” in questo modo:

“Quel sentimento più caro che viene gustato in un cuore purificato, assolutamente purificato da ogni mondanità contattando suddha-sattva (pura bontà trascendentale). Ciò che è la sorgente di quella sorprendente, varia, affascinante dolcezza, ed è ben oltre il regno del pensiero, è rasa.”

 

Quello che segue è un elenco delle composizioni di Kavi Karnapura:

  • Caitanya-chartamrita-mahakavya,
  • Ananda-vrindavana-campu,
  • Alankara-kaustubha,
  • Caitanya-candrodaya-nataka[9],
  • Gaura-ganoddesha-dipika,
  • Brihad-ganoddesha-dipika,
  • Arya-shataka,
  • Ahnika-kaumudi,
  • un commento al decimo canto dello Srimad Bhagavatam,
  • Caitanya-sahasra-nama
  •  

 

 

 

[1] Caitanya Caritamrita, Antya-lila 12.49

[2] Caitanya Caritamrita (1.10.62), di Srila Krishna dasa Kaviraja

[3] Caitanya Caritamrita 3.12.53

[4] Caitanya Caritamrita 3.16.74

[5] Questo è stato descritto da Krishnadas Kaviraj Gosvami nel sedicesimo capitolo dell’Antya-lila

[6]Kavi significa poesia; karna: orecchio; pura-pieno.

[7] Bhakti-ratnakara 1.657

[8] Amore

[9] Questo libro è stato completato nel 1576 dC

 

Questa è una sezione del libro “Gaura Ganoddesa Dipika”, in lingua italiana.

Per acquistare il libro completo, clicca qui sopra

 

 

Post view 151 times

Share/Cuota/Condividi: