Anniversario della scomparsa di Srila Prabhupada

posted in: DB, Italiano, Kadacha ITA 0

di Manonatha Dasa, nov 2000 –

Offerta per la 23.esima ricorrenza della scomparsa del nostro Maestro Spirituale

A.C. Bhaktivedanta Svami Prabhupada 31 ottobre 2000

Caro Srila Prahupada,

i miei omaggi ai tuoi piedi di loto.

Quanto piacere provo nell’avvicinarmi ad essi. In meditazione, come tu ci hai insegnato spiegandoci la filosofia del vani-vapu, sento una gioia limpida pervadermi e ho difficoltà a capire da dove provenga. Eppure, rifletto, il mio cuore e’ così tanto contaminato dall’orgoglio da vergognarmi di me stesso quando sono accanto ai Vaishnava. Sarà che quei piedi di loto sono così rassicuranti che ogni guerra mentale si placa e i guerrieri si siedono tutti insieme a fare amicizia.

Oggi, per la 23.esima volta, mi trovo a trascorrere una commemorazione della tua scomparsa. La sto passando nel modo migliore, proprio a fianco di quel letto dove lasciasti le tue spoglie mortali, nella casa di Vrindavana. Mi hanno posto in capo proprio quel chaddar che ti avvolgeva la sera della tua partenza definitiva. I canti e l’atmosfera sono cosi’ devozionali che non dubito un solo istante che io sia attorniato da puri devoti, i tuoi discepoli, che hai amato cosi’ tanto da dedicar loro la tua vita. Che li amavi tanto e che il tuo cuore fosse pervaso dal desiderio di salvar tutti è chiaro dal fatto che hai accettato anche un intruso…

Mentre cantiamo “saksadhari tvena samasta sastrair”, cioe’ che Gurudeva è non differente da Krishna, mi balza chiara la realizzazione di quanto tu volessi salvare tutti i Jagai e Madhai del mondo. Era la perfetta estasi di Nityananda Prabhu. Cosi’ accetto che tu sia l’incarnazione della misericordia di Nitai.

Un giorno, quando scopriremo chi veramente tu eri, ci stupiremo. Rimarremo a bocca aperta, non riusciremo a spiegarci come sia stato possibile che una tale grande personalita’ abbia camminato in mezzo a noi, ci abbia guardati, ci abbia rivolto la parola, ci abbia istruiti e tollerati con una pazienza infinita.

E’ giusto dire che solo tu potevi fare cio’ che hai fatto, e che nessun altro avrebbe potuto farlo? Si’ e no. Per fare cio’ che hai fatto, si deve aver ricevuto il potere dal Suprema Personalità di Dio Sri Krishna. Per un essere umano qualsiasi o un devoto ordinario sarebbe stato impossibile. Man mano che passano gli anni questa realizzazione aumenta e diventa un blocco solido di convinzione. Come e’ possibile diffondere la Coscienza di Krishna come hai fatto, e – ancor più difficile – come hai potuto prendere il cuore di tanti ragazzi, i tuoi ragazzi, che oggi sono uomini e donne anziani, che ancora oggi hanno intatta la stessa identica nostalgia di te? Una nostalgia che pare incurabile. Come è stato possibile farli innamorare così tanto? Un incantesimo?… Se si chiede loro, i tuoi discepoli neanche da Krishna sembra vogliano andare, ma raggiungerti ovunque tu sia. Qualche cinico dice che questo e’ sbagliato, ma lasciamoli dire…

Persino io trovo un barlume di quel desiderio e la speranza di poter diventare un giorno meritevole di essere davvero tuo discepolo mi torna e mi incoraggia.

In meditazione, Srila Prabhupada mi indica tanta gente e comincio a predicare.

Mi tornano in mente i tanti passaggi delle Scritture che dicono quanto importante sia la presenza di un Guru autentico. Tale Maestro Spirituale non è un uomo comune. Non ha desideri materiali. Non cerca fama, prestigio, una vita comoda provveduta da sprovveduti discepoli. Che mascalzone è una persona del genere, usurpatore del sacro seggio di Vyasadeva. Come disse un venerabile Vaishnava, chi salta sul trono di Prabhupada sarà distrutto.

Amici, cercate un Maestro Spirituale, ma che sia autentico!

Non saltate sul primo carretto che vi passa davanti; rischiate di trovarvi chissa’ dove. Aspettate il treno dorato del puro devoto che vi porterà nel mondo di Dio. Se volete avanzare nella vita spirituale dovete rivolgervi a un sadhu autentico.

Uno alza la mano e chiede: ma se non lo troviamo questo puro devoto, oppure se lo troviamo e non lo riconosciamo, che facciamo? Aspettiamo? E aspettare cosa? Se non conosciamo l’oro, quando mai lo riconosceremo a meno che non iniziamo lo studio della materia?

La risposta viene immediata: amici, avvicinate coloro che si dicono servitori del puro devoto e che vi fanno conoscere chi e’ il vero Gurudeva. Questi vi introdurranno all’interno della casa dorata di Mahaprabhu e vi condurranno davanti alla Murti di Srila Prabhupada. Poi vi daranno i suoi libri e ve li spiegheranno. Queste sono le persone che dovete avvicinare. Chiedetegli: chi sei tu? Se questi risponderà “un servitore di Srila Prabhupada”, questi è la guida che andavate cercando.

Così rara è l’associazione di devoti come Srila Prabhupada.

Amici, non pensate che potete andare avanti con la vita spirituale da soli. Avete bisogno della compagnia dei devoti. Se non ci sono, allora create nella vostra città un punto dove discutere le glorie del Signore e diventate voi stessi buona compagnia per gli altri.

Un altro chiede: ma come possiamo diventare devoti senza gli altri devoti?

E la risposta: cercate i devoti, ma se non li trovate, ebbene prendete i libri di Srila Prabhupada e poneteli nel vostro cuore. Seguite le sue istruzioni alla lettera. Prendete una corona e cantate Hare Krishna, prendete dei karatalas e fatelo aiutandovi con strumenti musicali. Fate un altare nella vostra casa e cucinate del prasadam. Invitate i vostri amici e distribuitelo. In questo modo, e’ garantito, la misericordia di Nitai Gauranga Kaliyuga-pavana, scenderà su di voi a torrenti.

E quando la sera da ogni casa risuonerà il kirtana, ebbene quella città sarà diventata Vrindavana.

Ora, amici, tutti insieme gridiamo: Srila Prabhupada ki- jay!

PS:

Chi era che ha scritto questa letterina? Sono solo io, Prabhupada, tu sai chi.

 

Questa è una sezione del libro “Infiniti Segmenti di esistenza”, in lingua italiana.

Per acquistare il libro completo, clicca qui sopra

 

KADACHA BookStore

Post view 455 times

Share/Cuota/Condividi:
Subscribe
Notify of
0 Adds or Replies
Inline Feedbacks
View all comments