Sul canto del japamala

Domande
Hare Krishna Prabhu. Ti prego di accettare i miei più umili e sinceri omaggi. Tutte le glorie a Srila Prabhupada. Una domanda in merito alla recita del Maha Mantra. Io lo recito quando ho tempo e, spesso, non in condizioni ottimali tenendo a mente il numero dei Mantra recitati. Il più delle volte chiuderò il giro contando per “eccesso”. Ecco la domanda.

So che, una volta che si viene iniziati, si riceve dal maestro spirituale il Japa Mala e, in seguito, oltre a recitare il Maha Mantra sullo stesso per sedici volte al giorno bisogna anche conservarlo in un sacchetto apposito evitando che si sporchi o tocchi superfici non pulite. Per chi come me non è iniziato cosa si può fare per recitare in maniera più corretta? Si può acquistare un Japa mala, anche se non è quello ricevuto dal Maestro Spirituale, e recitare su di esso ? Quali attenzioni bisogna osservare ? Hare Krishna

 

Risposta

Caro Bhakta ***,
Ricevi le mie benedizioni. Tutte le glorie a Srila Prabhupada.

Scusa per il ritardo nel risponderti. E’ stato, questo, un periodo piuttosto intenso.

Una caratteristica che ha la filosofia della coscienza di Krishna e’ che e’ simile a un’armonica. Ha una base dura, che e’ e deve essere uguale per tutti e poi una parte che si estende e si ritrae a seconda della musica che si vuole produrre.
Questo esercizio sul mantice deve essere fatto da un musicista esperto o il risutato puo’ essere pessimo.

Quando uno cerca qualcosa di diverso perche’ cio’ che vede attorno a se non e’ convincente, incontra i devoti e la filosofia. Dopo un poco di tempo deve cercare qualcuno le cui istruzioni sono perfettamente soddifacenti. Questo e’ il Guru, a cui si fanno domande (pariprasna), si offre servizio (seva) e si richiede iniziazione (upadesa). Tutto questo e’ spiegato molto bene nella Bhagavad-gita ed e’ un tema ampio.

Se uno non e’ o non si sente pronto per l’iniziazione, qualsiasi cosa faccia, anche gli errori commessi, hanno una reazione minore.

Il mala (la corona) su cui recitare il maha-mantra (japa) diviene consacrato quando il Guru recita su di esso un giro prima dell’iniziazione. Fino a quel momento uno puo’ ricevere o no il mala dal maestro spirituale e il valore e’ lo stesso. Potevo mandartelo da Vrindavana ma ora non posso. Puoi acquistarlo dove vuoi ma che sia o di nim o di Tulasi.

L’attenzione da usare e’ la stessa. Rispettare il mala, non metterlo dove ci sediamo, o in terra, usarlo dopo aver lavato le mani. Cose cosi’.

Se uno ha un maestro spirituale, le attenzioni e le regole cambiano quando e’ il momento giusto.
Per ora segui cantando Hare Krishna come fai e svolgi con attenzione il tuo servizio come fai oramai da molto tempo.

Hare Krishna
Manonatha Dasa (ACBSP)

PS
IL NUOVO ARCHIVIO: www.isvara.org

Comments are closed.