La pianta della devozione non può crescere a meno che…

posted in: Italiano, Kadacha ITA 0

 

La pianta della devozione non può crescere a meno che non si abbandonino questi anartha.

Tutti gli anartha, in ogni caso, si allontanano con l’esecuzione del nama-sankirtana. Secondo lo Srimad-Bhagavatam (1.1.14):

apannah samsrtim ghoram

yan-nama vivaso grnan

tatah sadyo vimucyeta

yad bibheti svayam bhayam (12)

Gli esseri impigliati nella terribile rete delle morti e delle nascite possono liberarsi subito cantando, anche inconsapevolmente, il santo nome di Krsna, che incute paura persino al terrore in persona.

 

 

Lo Srimad-Bhagavatam (11.2.37) in seguito afferma:

bhayam dvitiyabhinivesatah syad

isad apetasya viparyayo ‘smrtih

tan-mayayato budha abhajet tam

bhaktyaikayesam guru-devatatma (13)

Quando l’entità vivente è attratta all’energia materiale, che è separata da Krsna, è vinta dalla paura. L’energia materiale la separa dalla Suprema Personalità di Dio, e la sua concezione dell’esistenza è capovolta. In altre parole, invece di essere l’eterna servitrice di Krsna entra in competizione con Lui. Ciò è detto viparyayah asmrtih. Per annullare questo sbaglio, chi è veramente istruito e avanzato adora la Suprema Personalità di Dio come il maestro spirituale, la divinità e la fonte di vita. Egli adora il Signore, dunque, mediante il metodo del puro servizio di devozione.

 

 

Questa è una sezione del libro “Bhajana Rahasya”, in lingua italiana.

Per acquistare il libro completo, clicca qui sopra

 

 

 

 

Post view 360 times

Share/Cuota/Condividi:
Subscribe
Notify of
0 Adds or Replies
Inline Feedbacks
View all comments