La parola Rishi si riferisce a un saggio potente, capace di prevedere il futuro

posted in: Italiano, Kadacha ITA 0

I Rishi risposero:

Il Purana che fu raccontato dal grande saggio Dvaipayana fu molto apprezzato dagli esseri celesti e dai Brahmarshi che lo udirono.

 

La parola Rishi si riferisce a un saggio potente, capace di prevedere il futuro. Si riferisce anche a qualcuno capace di vedere la verità oltre l’illusione.

 

Brahmarshi: coloro che hanno visto, o compreso, la verità trascendentale.

 

È piena di varie dizioni e divisioni, è la narrativa più eminente che esista, contenente significati sottili e logicamente combinati ed è arricchita con l’essenza dei Veda. È un’opera sacra.

 

In questo verso si stabilisce che il Maha-bharata è una letteratura sacra direttamente connessa con i Veda, l’origine di tutta la conoscenza e ne è l’essenza (vedartha).

 

È composto in un bel linguaggio e include tutte le altre opere. Tutti gli altri Sastra danno spiegazioni sul Maha-bharata e contiene il senso dei quattro Veda. Desideriamo ascoltare il Bharata, la storia sacra che scaccia ogni paura, la sacra composizione del grande Vyasa, proprio come è stato magnificamente narrato nel grande sacrificio dei serpenti di Raja Janamejaya da Rishi Vaishampayana sotto la direzione dello stesso Krishna Dvaipayana.

 

Sastra: nel Maha-bharata troviamo molti principi filosofici che si trovano nei Veda. Per questo il Rishi qui sta dicendo che il Maha-bharata è arricchito con l’essenza dei Veda, che sono i libri originali della saggezza trascendentale.

I Veda sono quattro: Rik, Sama, Atharva e Yajus.

 

Bharata e Jaya sono altri nomi per il Maha-bharata.

 

Questa è una sezione del libro

Il MAHA-BHARATA, ADI PARVA ** Verso per verso con le spiegazioni Bhaktivedanta ** Vol. 1 di 4”, in lingua italiana.

Per acquistare il libro completo, clicca qui sopra

 

Post view 163 times

Share/Cuota/Condividi:
Subscribe
Notify of
0 Adds or Replies
Inline Feedbacks
View all comments