Babhruvahana, un figlio di Arjuna (Italiano)

posted in: Italiano

 

Babhruvahana, un figlio di Arjuna

Quando i Pandava risiedevano a Indraprastha dopo aver sposato Draupadi, Narada una volta andò a trovarli. Al fine di evitare qualsiasi lite tra i Pandava sull’unica moglie che avevano congiuntamente, Narada suggerì che ciascuno sarebbe dovuto rimanere a turno con Draupadi per un anno, e chi avesse violato l’accordo sarebbe dovuto andare nella foresta per un anno.
Accadde una volta che Arjuna andò a casa di Yudhisthira quando era con Pancali (Draupadi) e, per aver violato così l’accordo, Arjuna dovette andare nella foresta per un anno.
Durante questo esilio, mentre si trovava a Gangadvara, sposò la ragazza serpente, Ulupi e ottenne da lei un figlio chiamato Iravan.
Dopo di che andò in un paese chiamato Manalur. A quel tempo quel paese era governato da un re chiamato Citrangada. Prabhanjana, uno degli antenati di Citrangada, aveva ottenuto, con una dura penitenza compiuta per avere una progenie, una benedizione da Siva per mezzo della quale ciascuno dei suoi successori ottenne un figlio per mantenere la linea. Ma quando si arrivò a Citrangada, con sua sorpresa lui ebbe una figlia invece di un figlio. Ma la crebbe come un figlio maschio e la chiamò Citrangada. Fu quando era pronta per il matrimonio che Arjuna arrivò lì. Il re ricevette Arjuna con rispetto, e dopo essersi informato sul suo benessere, gli chiese di sposare sua figlia.
Arjuna la sposò e rimase lì per tre mesi. Lasciando quel luogo Arjuna andò a Pancatirtha dove salvò delle fanciulle celesti che si trovavano nei tirtha come coccodrilli. Quando tornò a Manalur, Citrangada aveva dato alla luce un figlio che aveva chiamato #Babhruvahana. Promettendo loro che li avrebbe portati più tardi ad Hastinapura, lasciò il posto.

IL SUO DESTINO DI UCCIDERE SUO PADRE
Fu con uno stratagemma che Arjuna sconfisse Bhisma. Arjuna mise Sikhandi davanti al suo carro, e Bhisma rifiutò di impugnare le armi contro un eunuco e accettò la sconfitta. Ma Gangadevi, che dall’alto assisteva alla battaglia tra Bhisma, suo figlio, e Arjuna, non poté sopportare questo gioco sporco e così maledisse Arjuna a morire per mano di suo figlio.
Ulupi, la moglie serpente di Arjuna, udì questa maledizione e andò da suo padre Kauravya che a sua volta andò da Gangadevi per implorarla di ritirare la maledizione. Gangadevi allora disse che Arjuna sarebbe stato ucciso da Babhruvahana, ma sarebbe stato riportato in vita da Ulupi ponendogli la pietra Mritasanjivani sul suo petto.

L’UCCISIONE DI ARJUNA
La battaglia del Mahabharata era finita. Quando Yudhisthira stava eseguendo l’Asvamedha yajna, Arjuna condusse una marcia di vittoria con il cavallo dello yajna. Sulla sua strada raggiunse Manalur (Manipur) [VEDI NOTA FINALE]. Subito Ulupi chiamò Babhruvahana e gli chiese di sfidare Arjuna. Babhruvahana, con il suo arco e frecce, attaccò Arjuna e, nella dura battaglia che ne seguì, Arjuna fu ucciso. Arrivando sul luogo della battaglia, Citrangada iniziò a piangere e a insultare Ulupi per aver persuaso Babhruvahana ad uccidere suo padre. Ulupi andò immediatamente nel mondo dei serpenti da dove portò la pietra Mritasanjivani e, mentre la metteva sul petto di Arjuna, lui riacquistò la vita come se si svegliasse da un sonno. Quando vide Citrangada, Babhruvahana e Ulupi, Arjuna sorrise e chiese loro perché erano tutti lì. Ulupi allora gli spiegò la storia della maledizione, ed estremamente compiaciuto per la fine della maledizione, Arjuna li portò tutti ad Hastinapura (Mahabharata capitoli da 218 a 210 dell’Adi Parva e capitoli da 79 a 82 dell’Asvamedha Parva).

 

ALTRI DETTAGLI
(1) Quando raggiunse Hastinapura, Sri Krsna diede in dono a Babhruvahana un carro trainato da cavalli divini (Sloka 6, Capitolo 88, Asvamedha Parva del Mahabharata).

(2) I diversi nomi che gli sono stati dati nei Purana sono i seguenti: Citrangadasuta, Manippurpati, Dhananjayasuta e Manipuresvara.

 

[NOTA FINALE]
Il cavallo raggiunse Maṇipur, dove Arjuna fu accolto pacificamente da suo figlio Babhruvahana, che aveva concepito con la principessa Citrāṅgadā. Come Arjuna aveva concordato al momento della sua nascita, Babhruvahana era rimasto a Maṇipur, governando quel regno e non prendendo parte alla grande guerra. Si avvicinò ad Arjuna con offerte d’oro e gemme, ma Arjuna ne fu chiaramente scontento. La sua mente fu presa dalla rabbia e gridò a suo figlio: “Perché, o bambino, sei venuto in pace quando un antagonista è entrato nella tua terra? Questo non è mai in armonia con i doveri di uno kṣatriya. Ti sei comportato come una donna! Sono venuto qui armato e avresti dovuto sfidarmi con parole eroiche. O miserabile ragazzo, prendi le tue armi e dammi battaglia.”
Babhruvahana fu sorpreso dalla reazione di suo padre. Cercò di placarlo, ma Arjuna non volle ascoltare. Spinse ripetutamente suo figlio a combattere.

Nel mentre di ciò, Ulūpī apparve improvvisamente dalla terra. La figlia del re Nāga, e moglie di Arjuna, stava davanti a Babhruvahana e gli disse: “Ascolta, o principe. Sono Ulūpī, tua madre, e sono venuta qui desiderando fare del bene sia a te che a tuo padre. Combatti con lui, perché questo gli darà piacere e acquisirai dei meriti.”
Sentendo le parole della matrigna e le ripetute sollecitazioni di suo padre, il principe accettò. Dopo aver indossato la sua armatura fiammeggiante, e salendo sul carro, si erse davanti a suo padre pronto per la battaglia. Vedendo il cavallo sacrificale nelle vicinanze, Babhruvahana lo fece portare da alcuni dei suoi uomini nella sua città. Arjuna si arrabbiò e fece piovere frecce sul suo potente figlio.
Tra padre e figlio ebbe luogo un terribile combattimento. Entrambi non mostrarono alcuna pietà, lanciando innumerevoli frecce l’uno contro l’altro. Arjuna fu improvvisamente colpito alla spalla da una freccia d’acciaio che lo trafisse profondamente e gli fece quasi perdere conoscenza, facendolo appoggiare ad un bastone. Quando riprese i sensi, lodò suo figlio. “Eccellente! Molto bene! O figlio di Citrāṅgadā, sono contento di te per la tua abilità e potenza. Continua senza paura, perché lancerò le mie terribili frecce.”
Arjuna combatté senza sosta, scoccando frecce che fracassarono il carro di suo figlio e uccisero i suoi cavalli. Saltando a terra, il principe rimase impavido davanti a suo padre. In un attimo tirò fuori una lunga freccia d’oro ornata di gioielli e piume di kanka e la scoccò con l’arco completamente teso. Quella freccia corse verso Arjuna e lo colpì al petto, perforandogli l’armatura.
Ansimante dal dolore, Arjuna cadde dal suo carro giacendo a terra. Babhruvahana, egli stesso trafitto dappertutto dalle frecce di Arjuna, fu colto dal dolore nel vedere suo padre ucciso. Sopraffatto, anche lui cadde a terra.
Citrāṅgadā sentì che suo marito e suo figlio erano caduti entrambi sul campo di battaglia. Si precipitò fuori dalla città. Vedendoli sdraiati lì, anche lei svenne. Quando riprese i sensi, vide Ulūpī in piedi davanti a lei. Sapendo che Babhruvahana aveva combattuto contro suo padre per suo ordine, le disse: “O Ulūpī, guarda il nostro marito che è stato sempre vittorioso ucciso come risultato delle tue istruzioni a mio figlio. Non conosci le pratiche delle donne rispettabili? Non sei devota a tuo marito? Se Arjuna ti ha offeso in qualche modo, avresti dovuto perdonarlo. Perché non sei in lutto? O signora serpente, sei una dea. Ti supplico di rianimare nostro marito.”

Citrāṅgadā corse verso Arjuna e cadde a terra piangendo. Con la freccia che gli sporgeva dal petto e il sangue che colava dalla ferita, sembrava una collina con un albero sulla sua cima e le sue rocce che scorrevano di ossido rosso. La principessa di Maṇipur mise i piedi di Arjuna in grembo e pianse in modo incontrollabile.
Riprendendo conoscenza, Babhruvahana si alzò in piedi e corse da suo padre. Insieme a sua madre, anche lui iniziò a piangere. Con voce soffocata si lamentò: “Ahimè, cosa ho fatto? Qual è l’espiazione per chi uccide suo padre? Senza dubbio dovrei soffrire ogni sorta di miseria per un tale peccato. In effetti, non posso continuare a vivere. Mi siederò al fianco di mio padre, astenendomi dal mangiare e dal bere, finché la morte non mi prenderà. Fammi seguire il percorso intrapreso da Arjuna.”
Il principe pianse per un po’, poi tacque. Si sedette in posizione yogica accanto ad Arjuna, e si preparò ad osservare il voto di Praya, digiunando fino alla morte.

Vedendo sia la sua co-moglie che il figliastro sopraffatti dal dolore, Ulūpī si avvicinò a loro. Con il suo potere mistico, prese dal regno dei Nāga una gemma celeste che aveva il potere di resuscitare i morti. Prendendo la gemma splendente, che brillava di cento tonalità diverse, si avvicinò a Babhruvahana e disse: “Alzati, figlio. Non hai ucciso Arjuna. In effetti, né gli uomini né gli dei possono ucciderlo. È un ṛṣi eterno, un’anima indistruttibile. La sua morte apparente è semplicemente un’illusione. O bambino, prendi questa gemma e mettila sul petto di tuo padre e lui risorgerà.”

Il principe fece come gli era stato detto e, quasi subito, Arjuna aprì gli occhi. La sua ferita guarì, si mise a sedere e si guardò intorno. Babhruvahana fece un sospirò di sollievo. Si inchinò ai piedi di suo padre e chiese perdono. Cembali risuonarono dal cielo e cadde una pioggia di fiori. Le voci nei cieli gridavano: “Eccellente! Eccellente!”
Arjuna si alzò e abbracciò suo figlio con affetto. “Qual è la causa di tutti questi segni?” chiese. “Perché tua madre Citrāṅgadā è qui? Perché vedo anche la principessa Nāga?”
Babhruvahana disse a suo padre di chiedere a Ulūpī. Arjuna la guardò, con la domanda negli occhi. “Cosa ti porta qui, o figlia dei Naga? Sei venuta qui con il desiderio di farci del bene? Spero che né io né mio figlio ti abbiamo ferito.”
Ulūpī sorrise e rassicurò Arjuna che non era stata offesa. Aveva esortato il principe a combattere per servire sia lui che Arjuna. “Ascolta le mie parole, o Arjuna dalle braccia potenti. Durante la guerra hai ucciso Bhīṣma con l’inganno, ponendo Śikhaṇḍī davanti a te quando ti sei avvicinato a lui. Per quel peccato saresti dovuto cadere all’inferno, ma il tuo peccato è stato espiato dalle azioni di tuo figlio.”

Ulūpī spiegò che subito dopo la caduta di Bhīṣma, aveva visto i Vasu andare al fiume Gange per fare il bagno. Mentre erano lì, chiamarono la dea Gangā e le dissero: “Arjuna ha ingiustamente ucciso tuo figlio. Per questo lo malediremo a morire.” Gaṅgā aveva accettato. Vedendo tutto questo, Ulūpī era andata da suo padre in ansia. Gli raccontò ciò che aveva visto e suo padre, il re dei Naga, andò immediatamente dai Vasu. Li supplicò di essere misericordiosi con Arjuna, suo genero, e loro risposero: “Dhanañjaya ha un figlio giovane che ora è re di Maṇipur. Quel re sconfiggerà suo padre in battaglia e lo libererà dalla nostra maledizione.”
Ulūpī continuò: “È per questo motivo che sei stato ucciso da tuo figlio. In effetti, nemmeno Indra potrebbe ucciderti, ma è detto che il figlio è il proprio sé. Dopo che ti ha ucciso, ti ho rianimato con questa gemma celeste.”
Ulūpī mostrò ad Arjuna il gioiello brillante e lui rispose con gioia: “Tutto quello che hai fatto mi è gradito, o dea. Non hai commesso alcuna colpa.”

Babhruvahana implorò Arjuna di trascorrere una notte in città con le sue due mogli, ma Arjuna rifiutò, dicendo che non avrebbe potuto riposare fino a quando il cavallo sacrificale non fosse tornato ad Hastināpura. Prese congedo dalle sue mogli e da suo figlio, che gli disse che presto sarebbe venuto al sacrificio di Yudhiṣṭhira. Dopo aver detto alle sue mogli di unirsi a lui ad Hastināpura, continuò per la sua strada alla ricerca del cavallo.

Arjuna andò a Rajagriha, la città dove era andato molto tempo prima con Bhīma e Krishna per uccidere Jarasandha. Il nipote di Jarāsandha, Meghasandhi, anche se solo un ragazzo, osservò il dovere di kṣatriya uscendo e offrendosi di combattere con Arjuna con parole audaci ed eroiche. “Sembra che questo cavallo sia protetto solo dalle donne”, sfidò. Ne seguì una grande lotta. Durante la battaglia, il carro di Meghasandhi fu distrutto e alla fine anche lui fu sopraffatto. Arjuna disse: “Al comando di Yudhiṣṭhira non ucciderò quei re che ho sconfitto se acconsentono al suo governo.”

Meghasandhi accettò di partecipare al sacrificio di Yudhiṣṭhira e di offrire un tributo, e Arjuna continuò per la sua strada. Combatté con molti altri monarchi, obbligandoli ad accettare Yudhiṣṭhira come imperatore, prima che il cavallo raggiungesse finalmente la strada che riportava a Hastināpura.

 

Bhaktivedanta Swami Prabhupāda: Babhruvāhana fu adottato da suo nonno. Questo viene chiamato putrikā, putrikā-putra, “il figlio della figlia adottato come figlio.”

Post view 201 times

Share/Cuota/Condividi: