Storie e passatempiI Pandava ricevono il dono dell'aksaya-patra

Questo e' il Forum dedicato a storie di personalita' divine
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1266: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable
User avatar
Manonatha Dasa
Forum Admin
Posts: 241
Joined: Wednesday 28 December 2016, 13:28
Contact:
United States of America

I Pandava ricevono il dono dell'aksaya-patra

Postby Manonatha Dasa » Wednesday 22 February 2017, 8:00

(Mbh. Vana Parva, Capitoli 2,3)

Quando i Pandava si diressero verso la foresta per trascorrere tredici anni in esilio, una moltitudine di Brahmana li seguirono. La comitiva si fermò sulle rive del fiume Gange per trascorrere la notte. La mattina dopo, Yudhisthira supplicò i brahmana di ritornare alle loro dimore, elencando i pericoli e le difficoltà che avrebbe comportato vivere nella foresta. Aggiunse anche che i suoi fratelli che normalmente erano molto abili nel procurare cibo nella foresta ora erano angosciati dal dolore di Draupadi e per la perdita del loro regno. Per questo motivo, Yudhisthira disse che non poteva impegnare i suoi fratelli in compiti gravosi.
I brahmana rifiutarono di tornare e promisero a Yudhishtira che non sarebbe stati di nessun peso per i Pandava. Aggiunsero inoltre che si sarebbero procurati il cibo da soli. Sentendo questo, Yudhistira disperato disse: “Come posso permettere che vi procuriate il cibo da soli, visto mi avete seguito a causa del vostro amore e affetto verso di me”. Dicendo questo, iniziò a piangere disperatamente.

Il saggio brahmana di nome Saunaka si avvicinò a Yudhishtira e gli disse di non lamentarsi, e iniziò a descrivergli la natura del dolore. Saunaka disse:
• Un afflizione fisica come una malattia può essere attenuata dalla applicazione di una medicina, mentre le malattie mentali sono curate controllando la mente. Per questo motivo, i medici sensibili prima cercano di placare le sofferenze mentali dei loro pazienti con parole incoraggianti e piacevoli all’ascolto. Quando la mente riacquista la serenità, il corpo riacquista compostezza.
• L’attaccamento è la radice di ogni sofferenza mentale. Dall’attaccamento scaturiscono tutti gli sforzi e l’affezione per l’ottenimento di beni terreni. Così come una piccola scintilla di fuoco che entra nella cavità di un albero consuma tutto l’albero fino alle sue radici, ugualmente l’attaccamento, anche in piccola misura distrugge ogni virtù. Quindi non si dovrebbe sviluppare attaccamento verso gli amici e i beni di questo mondo.
• La ricchezza è la rovina di molti che cercano la felicità in essa, perché non arrivano mai ad essere soddisfatti.
• L’acquisizione, il possesso e l’ostentamento della propria ricchezza è causa di miseria infinita che conduce alla perdita della ragione.
• La soddisfazione è la più alta forma di felicità; quindi, la soddisfazione è l’ottenimento più ambito dalle persone saggie.

Così riconfortato dalle sagge parole di Saunaka, Yudhishtira si ricompose. Quindi avvicinò il suo sacerdote Dhaumya e gli chiese: “I brahamana desiderano seguirmi nella foresta, ma non ho alcun mezzo per sostenerli. Dimmi cosa devo fare “. Dopo un attimo di riflessione Dhaumya disse: “Nei tempi antichi, tutti gli esseri viventi creati furono dolorosamente afflitti dalla fame. Surya, provando compassione per loro, fece evaporare l’acqua con i suoi raggi. La luna convertì quei vapori in nuvole che portarono le piogge che permisero alle piante di germogliare e crescere. Così il sole è conosciuto come il padre di tutte le creature. Dovresti meditare su di lui chiedendo il suo aiuto “. Dicendo questo, Dhaumya insegnò a Yudhishtira i 108 nomi del Sole.
Yudhishtira meditò profondamente su Surya e inneggiò lodi di glorificazione. Allietato dal suo gesto, Surya apparve dinanzi a Yudhishtira e gli porse un recipiente. Surya disse: “Questo vaso produrrà una fonte inesauribile di cibo ogni giorno, fino a quando Draupadi consumerà il suo pasto. E questo avverrà per i prossimi 12 anni.”
I Pandava divennero estremamente felici poiché questo forniva loro il sostentamento per sé e per i brahmana che li accompagnavano. Con grande soddisfazione i Pandava e i brahmana si stabilirono felicemente nella foresta Kamyaka.
* Manonatha Dasa (ACBSP)

Fabien
Active User
Posts: 28
Joined: Tuesday 17 January 2017, 17:36
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1266: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable
Rwanda

Re: I Pandava ricevono il dono dell'aksaya-patra

Postby Fabien » Saturday 25 February 2017, 7:01

Hare Krishna Manonatha Dasa, per favore accetta i miei più rispettosi omaggi.

Questa storia o passatempo che hai scritto è molto bello e a tale riguardo avrei delle riflessioni, domande da posti.

Presumo che Yudhishtira sapesse già tutto ciò che Saunaka gli disse riguardo la sofferenza e la soddisfazione. Allora perché in quel momento Yudhishtira sembrava una persona comune, cioè ignorante della propria posizione?
E' stato un atto volontario finalizzato a suscitare la risposta di Saunaka?

Perché il sacerdote Dhaumya ha consigliato a Yudhishtira di pregare Surya invece che Krishna? Tale decisione si basa sulla consapevolezza che Krishna è ogni cosa?

Surya ha detto: “Questo vaso produrrà una fonte inesauribile di cibo ogni giorno, fino a quando Draupadi consumerà il suo pasto. E questo avverrà per i prossimi 12 anni.” Ciò significa che Surya conosce il futuro e sa che Draupadi vivrà da quel giorno in poi 12 anni oppure che il vaso produrrà cibo fino a 12 anni?

La frase di Dhaumya: “Nei tempi antichi, tutti gli esseri viventi creati furono dolorosamente afflitti dalla fame."
Mi fa pensare al racconto cristiano della creazione quando Adamo ed Eva furono banditi dal giardino dell'Eden e dovettero da lì in poi soffrire la fame ed altri generi di miserie.

Il racconto cristiano della creazione di Adamo ed Eva corrisponde alla realtà? Come avvenne la creazione del primo essere umano? E perché è caduto in una condizione tanto miserabile?

La via per tornare a casa, da Krishna, è tracciata, ma come siamo caduti?
Inoltre, è utile sapere ciò?

Hare Krishna


[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1266: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable
[phpBB Debug] PHP Warning: in file [ROOT]/vendor/twig/twig/lib/Twig/Extension/Core.php on line 1266: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable

Return to “Storie e passatempi”

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest